Google Translate

English French German Spain Italian Dutch Russian Portuguese Japanese Korean Arabic Chinese Simplified by : BTF, ed. by JRD (me!)

mercoledì 9 ottobre 2013

Gesù Caro Fratello

Rovestando ancora tra le tante carte mentre effettuo il trasloco da una parrocchia all'altra, mi è capitato fra le mani questa poesia in romanesco, di cui non ricordo l'autore, non ricordo chi me lo ha dato autore Claudio Baglioni (grazie a Milena "Carmela" Manghisi che l'ha riconosciuta!). La trovo un'espressione genuina di una persona semplice che recepisce la gioia che viene dal Vangelo, e la riporto volentieri (così elimino pure la carta senza perderne i contenuti!):



Gesù caro fratello
venduto pè ricordino
vicino ar Colosseo o dè fianco ar Presidente
cor vestito dè jeans cor fucile
o cor nome tuo pè ammazzà la gente...
Gesù caro fratello mio
che t'hanno fatto
t'hanno sbattuto addosso a 'na croce e poi dimenticato
e tu eri certo troppo bono...
t'hanno detto de sta 'n cielo
assetato dè vita affamato d'amore
quante vorte hai pianto solo solo
però
t'avemo aspettato
t'avemo cercato
t'avemo chiamato
t'avemo voluto
t'avemo creduto
e avemo trovato te, ritrovato te
ne l'occhi de chi spera
ne le rughe de chi invecchia
ne le domeniche de festa
e ner tegame de chi e solo
ne le strade de chi beve
nei sorrisi de chi e matto
ne le manine de chi nasce
e nei ginocchi de chi sta a prega.
ne le canzoni popolari
e ne la fame de chi cià fame
e fu come riavecce la vista dopo mille anni
fu come scopr' più in la nella boscaja folta
er sentiero perduto
er sentiero perduto
fu come quanno la pioggia
tutt'a 'n tratto d'estate ritorna alla terra
fu come 'n giorno de pace
primo giorno de pace finita la guerra
fu come quanno fa bujo
e s'accenne la luce - e s'accenne la luce
Gesù caro fratello ritrovato
restace accanto pè sempre
e cantamo 'nsieme - cantamo 'nsieme
la gioia d'esse vivi
e cantamo le tue immense parole
ama er prossimo tuo come te stesso...